I SEI FIGLI DI MAGDA GOEBBELS

Come ombre al carbone, le vostre vite,

su pareti di cemento armato giacciono, 

nelle catacombe dell’odiato bunker riecheggiano,

mentre fuori le foglie di maggio sono già rinsecchite

Le ultime  pallottole sibilano inferocite

in quel cortile spoglio di umana misericordia 

dove la follia e la potenza di fuoco riunite, 

si sono sposate nell’ultima danza balorda. 

O miei piccoli, in quella Berlino di maggio 

farcita di fragori e di fuocofoste avvelenati, 

per sfuggire alla stella di sangue, si disse, salvati, 

mentre sotto la croce di ferro fu detto coraggio !

In quelle sei ampolle di minuzia cristallina, 

si nascondeva l’amaro e macabro messo, 

che fece che mille anni di regno promesso, 

non superarono i dieci per tutto ciò che cammina. 

Che tenebre! che fuoco! che miseria e veleno 

per tutti i figli e fratelli al di qua e al di là del Reno.

Paolo Maggioni Conte 

Poesia che ho scritto come dedica a sei figli di Magda Goebbels (moglie di Joseph Goebbels, braccio delle propaganda nazista di Hitler), uccisi dalla madre nel bunker di Berlino nel sonno, con sei capsule di cianuro, e a tutti i loro coetanei di ogni razza e nazione che ebbero a soffrire dal 1941 al maggio 1945, fame, persecuzione, guerra e annientamento. 

Paolo Maggioni Conte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: